Due parole da un vecchio rappresentante

Ciao a tutti.

Sono Federico Pistono, studente ormai al termine del suo percorso universitario e del mandato da rappresentante degli studenti per la facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali.

Federico Pistono Free Blogger

Federico Pistono - Free Blogger

La vecchia guardia universitaria mi conosce abbastanza bene, sempre in giro a sentire umori e problemi degli studenti, cercando di fare del mio meglio e dandomi da fare al limite delle mie possibilità. Non stavo a guardare, ci provavo insomma. In questi due anni da rappresentante ho provato a fare molte cose, aprendo questo blog per creare un canale diretto di comunicazione con gli studenti, facendo i resoconti dei consigli di Facoltà, organizzando incontri con il preside, portando avanti iniziative degli studenti, petizioni, avvisando di offerte di lavoro, stage, e scrivendo ogni volta che potevo. Ho cercato sempre gente interessata, volenterosa, che si sbattesse insomma. Ho trovato qualche persona così, certo. Persone interessanti, con tanta passione, molto intelligenti. Ma i più erano indifferenti.

Per due anni e mezzo, studio e lavoro, studio e lavoro. Lavoro che negli ultimi mesi ha preso un’importanza sempre più grande e che mi ha rubato sempre più tempo. Dicevo, due anni e mezzo lavoro e studio, senza pause. A Febbraio decido finalmente di farmi un mese a Chicago, diciamo tra Ottobre e Novembre. Ecco che tutto cambia. Scoppia la bomba, la 133 del nuovo governo. E tutti si muovono, tutto cambia. La gente rinasce, la passione sopita si risveglia e finalmente cresce un senso di svolta, di rivolta, di cambiamento, di coesione, ecco quello che ho sempre aspettato e cercato per anni…. e non ci sono. Anzi, sono a cinquemila miglia oltre oceano.

Belin, quando si dice “Il tempismo“, eh?

Ora, al termine della mia carriera universitaria e del mio mandato, non posso fare altro che sperare che questa situazione spinga a far uscire dei grandi nuovi rappresentati, che possano fare un lavoro ancora migliore di quelli che abbiamo cercato di fare noi. Questa volta il “nemico” è comune ed è più facile essere uniti.

Loro non molleranno mai. Noi neppure.

Annunci

Protesta UniVR: ragioni e motivi

Il disegno di legge 133 del governo avrà gravi conseguenze sul sistema universitario Italiano.

Riporto i video dell’assemblea all’università di Scienze, potete seguire la vicenda su http://protesta-univr.blogspot.com/

Intervento del prof. Roberto Giacobazzi preside scienze vr assemblea 20/10/2008




Intervento prof Gianluigi Bellin Scienze univr 20/10

Intervento prof Andrea Masini Scienze univr 20/10

Riassunto richieste degli studenti al senato

Studenti… part time?

Riporto una mail che mi è arrivata:

 Ciao,
sono uno studente della specialistica di informatica e quest’anno avrei avuto la necessità di iscrivermi in regime di part-time visto che ho trovato un lavoretto. Purtroppo in segreteria mi hanno detto che non è prevista questa iscrizione per noi informatici. Mi piacerebbe sapere quanti studenti sarebbero interessati ad iscriversi in part-time così magari riusciamo a far presente a chi di dovere di questa esigenza.
ciao ciao,
Davide Cappelli

503… SOS sito di Scienze

Quanto spesso vi capita di vedere questa pagina?
Stamattina io vedo solo questo….

scienze_www_down.jpg

Laboratorio Delta: lettera ai responsabili

Ciao a tutti,

stamattina ho parlato con il preside Giacobazzi di alcuni problemi del laboratorio Delta. Mi è stato comunicato che i computer vecchi verranno sostituti, e su tutti verrà installato il sistema livenet.

A parte gli (sporadici) problemi di NFS handling che sorgono ogni tanto (stamattina, per esempio) c’è un problema che pare non risolvibile. Infatti per quanto riguarda NFS mi viene sempre data la stessa risposta: “quando ci sarà la livenet sarà tutto a posto”, nel frattempo noi rimaniamo con un servizio che funziona male, chissà per quanto tempo. Invece la questione dell’impianto di condizionamento dell’edificio Piramide sembra irrisolvibile. Memore degli anni precedenti posso testimoniare che la popolazione studentesca a Giugno è più decimata che a Dicembre, causa febbri e raffreddori dovuti all’impianto di condizionamento del delta.

Possibile che non si riesca a trovare una via di mezzo? Se i condizionatori sono spenti fa una caldo infernale, se invece vengono accesi facciamo compagnia ai pinguini (Tux, per restare in tema). E’ davvero inaccettabile che per una struttura in cui si sono spesi TANTI soldi non si possa nemmeno regolare la temperatura. Io dico: basta sprechi e basta follie, non è possibile che si debba indossare una maglia in pieno Luglio per entrare in un laboratorio.

Abbiamo già l’appoggio del preside Giacobazzi, inviterei tutti a partecipare nello scrivere una lettera ai responsabili. Le idee e i punti da inserire verranno raccolti con i commenti, mi occuperò io di spedire il tutto organizzato alla presidenza.

Federico Pistono

Regole di comportamento all’Università

Riporto qui di seguito una proposta di Francesco ‘Sari’ Marcantoni, consiglio a tutti di leggere con attenzione, dato che riguarda tutti noi studenti.

L’Università, oltre ad offrire i locali per permettere lo svolgimento dei corsi, deve mettere a disposizione degli studenti i mezzi per organizzare sessioni di studio individuali o di gruppo, nella fattispecie tavoli, sedie e una certa tranquillità.

Nel complesso i locali di CaVignal 1 e 2 offrono un buon numero di posti a sedere nella hall di entrata, nei corridoi e nei locali dedicati allo studio, quasi sufficienti ad accogliere tutti gli studenti, ma purtroppo, forse per mancanza di regole ferree, uno studente in cerca di un posto per dedicarsi allo studio giornaliero si scontra spesso con situazioni alquanto spiacevoli: posti occupati per mezz’ora o più da non meglio identificati libri e indumenti, sessioni di gioco (ad esempio carte o guerra virtuale con pc portatili collegati in rete), discussioni prolungate (e chiassose) su temi molto lontani dall’assomigliare ad un dibattito legato allo studio.

Evidentemente le regole del vivere sociale non bastano per limitare i comportamenti sopra citati, quindi si rende quasi obbligatorio un regolamento scritto che possa limitare o quantomeno portare all’attenzione di tutti questa situazione oramai insostenibile; un insieme di regole semplici da stampare ed appendere in luoghi visibili, come le bacheche, le porte delle aule ed ogni luogo dove si trovi un tavolo adibito allo studio.

Segue una proposta di regolamento:

  • I tavoli sono adibiti soltanto allo studio e alle attività strettamente legate ad esso.
  • I posti lasciati incustoditi per più di 20 minuti sono da ritenersi liberi.
  • Non disturbare gli altri con il proprio comportamento è un atto di rispetto molto apprezzato.
  • Ogni tavolo va lasciato come lo si è trovato (pulito e spoglio da cartacce e spazzatura).

Quattro semplici regole che, se rispettate, renderebbero l’Università molto più accogliente e a misura di Studente.

Federico Pistono

Consiglio di facoltà 17-01-2007

Oggi si è tenuto il Consiglio di Facoltà, questi sono i punti principali emersi:

  • Stanziati 10,000€ per l’esame di inglese TOEFL, questi soldi servono a dare un contributo agli studenti che intendono sostenere l’esame.
  • Le scadenze per il bando Erasmus sono posticipate di un mese, slitta tutto a Febbraio
  • Protesta contro la mensa. Demarchi prende la parola e si lamenta veementemente del servizio offerto dalla mensa. Pica replica dicendo: “Quando c’erano le ragnatele si mangiava meglio!”. Quasi tutti si associano alle lamentele. Io faccio presente che anche gli studenti si stanno lamentando e che c’è una protesta in corso. Giacobazzi ha già parlato con il responsabile ESU al riguardo, mi ha detto di raccogliere tutte le firme di coloro che si lamentano e presentarle in presidenza come lettera formale in presidenza. Se volete aggregarvi commentate l’articolo aggiungendo nome e cognome. Da Venerdì affiggerò anche una copia cartacea nelle bacheche apposite, per chi preferisca scrivere a manina nome/cognome. 🙂

Federico Pistono