Petizione per la rete WiFi a Scienze

Update 28/03/2007: Sono felice di annunciare che la petizione e’ stata un gran successo. In meno di due giorni sono state raccolte piu’ di 250 firme, e in due giorni esatti la rete Wi-Fi e’ stata attivata a tutti gli studenti con protocollo https.

Fabio ed io siamo impegnati a portare avanti questa iniziativa, riporto il testo della petizione e allego il PDF. I fogli per le firme sono in tutte le bacheche dei rappresentanti, una di fianco al laboratorio Delta (sopra il termosifone) e l’altra in Ca’ Vignal 1 (vicino all’Aula D).

WiFi

ATTENZIONE ! ! !

STIAMO RACCOGLIENDO LE FIRME DI TUTTI GLI STUDENTI PER AVERE LA POSSIBILITA’ DI ACCEDERE ALLA RETE WIRELESS DELLA NOSTRA FACOLTA’ (L’INFRASTRUTTURA E’ GIA ESISTENTE) SOLO SE FIRMIAMO TUTTI POTREMO OTTENERE QUESTO UTILISSIMO SERVIZIO PER:
– utilizzare il nostro portatile per essere in rete da qualsiasi luogo vicino alla facolta
– risolvere i problemi dei posti nelle lezioni di laboratorio
– accedere in sicurezza senza fili alle nostre home
– sfruttare un’ infrastruttura gia’ esistente da tempo e che non e’ ancora stata utilizzata

LE FIRME VERRANNO RACCOLTE DAI RAPPRESENTANTI DEGLI STUDENTI CHE FARANNO SENTIRE LA NOSTRA VOCE IN CONSIGLIO DI FACOLTA’.
CREDIAMO CHE TUTTI GLI STUDENTI DEBBANO POTER USUFRUIRE DI QUESTO SERVIZIO.

FIRMA ANCHE TU PER IL WIRELESS ALLA FACOLTA’ DI SS.MM.FF.NN. DI VERONA !

Petizione_WiFi_Testo in PDF

Federico Pistono

Annunci

Borsa di studio per periodo di stage e tesi

Ciao a tutti,

Vi comunico la presenza di un bando per una borsa di studio offerta dal dipartimento di economia aziendale dell’università di Verona. La borsa di studio, del valore di 5000EUR, prevede l’estensione di un progetto avviato da me e dal mio collega Stefano Rossignoli. Il progetto concerne un sistema di Business Intelligence da noi interamente progettato e sviluppato per un’azienda che gestisce un marketplace elettronico operante nel settore ceramico. L’assegnatario della borsa deve essere uno studente di laurea specialistica (informatica o sistemi intelligenti) che abbia la possibilità di iniziare a dedicarsi al progetto già a partire dal mese di Aprile e fino al mese di Dicembre; e deve inoltre risultare inoccupato per tutto tale arco di tempo.

In base al profilo del candidato prescelto si deciderà il preciso orientamento dell’oggetto di ricerca. Essendo un lavoro a cavallo dei due dipartimenti, c’è spazio per i desiderosi di ricerche orientate agli aspetti strettamente economici, oppure ad un mix di concetti informatici ed economici, cosi come è stato per la tesi che mi appresto ad ultimare. Tuttavia, non si escludono ricerche esclusivamente orientate agli aspetti tecnico-informatici sempre basati sull’estensione o integrazione del sistema da noi sviluppato.

Vi evidenzio che nel corso di tale collaborazione sono previste 250 ore di stage presso l’azienda = 10 crediti stage e, nel caso si porti avanti una qualche forma di implementazione, c’è la possibilità di registrare anche i crediti di laboratorio in quantità ovviamente pari al lavoro pratico svolto. L’azienda in oggetto è di Modena ed è pertanto richiesta una certa disponibilità agli spostamenti (giornalieri), nei casi in cui si presenta la necessità di un incontro con il team aziendale (= automobile).

Tutto il lavoro, infine, confluisce in una tesi svolta in collaborazione tra il dipartimento di informatica e quello di economia (con la Prof. Rossignoli ), ideale per chi vuole laurearsi in dicembre/07 o in marzo/08.

Vi segnalo, importantissima, la scadenza per la richiesta di concorso al bando: 25/02/07

Le richieste successive a tale data avranno ovviamente priorità secondaria rispetto a quelle ricevute in tempo

Infine:

Per informazioni riguardanti il progetto da noi sviluppato potete scrivermi a luca.mohammadi@gmail.com per fissare eventualmente un incontro.

Per informazioni relative al bando invece contattate direttamente il Dott. Lapo Mola, del dipartimento di economia aziendale: lapo.mola@univr.it
Ciao e buon lavoro

Luca Mohammadi

Incontro con il Preside Roberto Giacobazzi 30-1-07

1)WIRELESS: Il Preside è fortemente intenzionato a far progredire il progetto Wireless. Si deve però tenere conto dei seguenti fattori:

  • Innanzitutto devono essere evitate discriminazioni, il servizio deve essere fruibile da tutti gli studenti: serve un portatile per tutti gli studenti che lo richiedano. Il Preside si sta già adoperando per ottenere delle agevolazioni per l’utilizzo in leasing di portatili, da lasciare per 3 anni agli studenti che ne facciano richiesta, a 300-200€ annui
  • Vi è un problema di autenticazione: la facoltà deve garantire di poter individuare l’utente che sta accedendo alla rete e dove costui si trovi. Deve quindi prima essere risolta questa questione per poter attivare tale servizio.

Prossimamente sarà attivata una fase di Testing per Viticoltura ed Enologia che si trovano in uno spazio isolato, sono in numero più contenuto, sono più semplici da controllare rispetto agli studenti di informatica.

2) SPAZI UNIVERSITARI: Sono in programma ristrutturazioni importanti nella struttura della facoltà di Scienze, in particolare dei seminterrati ; Tali ristrutturazioni porteranno al trasferimento di alcuni laboratori dalla loro locazione attuale ad altra. Tra i progetti di “ri-destinazione” spazi vi è l’aula studio in piramide che diverrà un bar. Ciò da una parte dovrebbe favorire un incontro tra docenti, questo anche grazie alla posizione strategica tra CV1 e CV2, dall’altra toglie agli studenti uno dei pochi spazi per lo studio presenti in facoltà. Il Preside si dice consapevole di ciò ma ritiene non di poco conto il suddetto vantaggio per i docenti, nonché la possibilità anche per gli studenti di poter prendere qualcosa di più gradevole di ciò che offrono i distributori automatici per il pranzo.

Ci ha però ipotizzato la possibilità di allestire uno spazio di studio negli spazi retrostanti la facoltà, ovvero una struttura in grado di ospitare molti studenti…queste però sono prospettive non del prossimo futuro!!!
3) INCONTRI MENSILI dei rappresentanti degli studenti CON IL PRESIDE: Al fine di migliorare i rapporti tra docenti/struttura universitaria e studenti, il Preside ha accettato la nostra proposta di poterci incontrare, in caso di necessità, mensilmente per discutere ed essere informati prima di CCL e CdF di questioni che riguardino più da vicino gli studenti.

Regole di comportamento all’Università

Riporto qui di seguito una proposta di Francesco ‘Sari’ Marcantoni, consiglio a tutti di leggere con attenzione, dato che riguarda tutti noi studenti.

L’Università, oltre ad offrire i locali per permettere lo svolgimento dei corsi, deve mettere a disposizione degli studenti i mezzi per organizzare sessioni di studio individuali o di gruppo, nella fattispecie tavoli, sedie e una certa tranquillità.

Nel complesso i locali di CaVignal 1 e 2 offrono un buon numero di posti a sedere nella hall di entrata, nei corridoi e nei locali dedicati allo studio, quasi sufficienti ad accogliere tutti gli studenti, ma purtroppo, forse per mancanza di regole ferree, uno studente in cerca di un posto per dedicarsi allo studio giornaliero si scontra spesso con situazioni alquanto spiacevoli: posti occupati per mezz’ora o più da non meglio identificati libri e indumenti, sessioni di gioco (ad esempio carte o guerra virtuale con pc portatili collegati in rete), discussioni prolungate (e chiassose) su temi molto lontani dall’assomigliare ad un dibattito legato allo studio.

Evidentemente le regole del vivere sociale non bastano per limitare i comportamenti sopra citati, quindi si rende quasi obbligatorio un regolamento scritto che possa limitare o quantomeno portare all’attenzione di tutti questa situazione oramai insostenibile; un insieme di regole semplici da stampare ed appendere in luoghi visibili, come le bacheche, le porte delle aule ed ogni luogo dove si trovi un tavolo adibito allo studio.

Segue una proposta di regolamento:

  • I tavoli sono adibiti soltanto allo studio e alle attività strettamente legate ad esso.
  • I posti lasciati incustoditi per più di 20 minuti sono da ritenersi liberi.
  • Non disturbare gli altri con il proprio comportamento è un atto di rispetto molto apprezzato.
  • Ogni tavolo va lasciato come lo si è trovato (pulito e spoglio da cartacce e spazzatura).

Quattro semplici regole che, se rispettate, renderebbero l’Università molto più accogliente e a misura di Studente.

Federico Pistono